Vento

Puoi piegarmi, scuotermi, spezzare i miei rami, strappare i miei frutti; sento le mie radici ridere di te e della tua prepotenza, freddo vento invernale.

Arrogante ti insinui tra le poche foglie rimaste, le disperdi lontano per poi tornare a vedere cos’altro puoi rubare. Nulla rimane se non la corteccia dura e viva che mi proteggerà da te sopra ogni cosa. Quindi soffia, soffia pure, e quando tu non avrai più fiato in gola io invece sarò ancora qui ad aspettare un’altra Primavera.

 

Vento-tra-gli-alberi-Albero-inclinato-e1407162775938

Annunci

Oltre.

 

Ho guardato oltre:

oltre il muro dell’indifferenza,  le barriere dei pregiudizi , la gabbia della paura.

Ho guardato oltre:

aldilà delle frasi fatte, dei preconcetti, dei giudizi affrettati.

Ho osservato da lontano:

silenziosamente e con discrezione, con amicizia ed affetto

Mi sono avvicinata con rispetto:

ho aspettato che mi venisse detto, atteso con pazienza e serenità d’animo

E infine ho visto:

ho visto anime affini finalmente incontrarsi dopo anni di attesa,

ho visto cuori riempirsi di gioia, occhi lucidi di felicità, sorrisi complici.

Ho sentito cuori palpitare, sospiri prolungati e frasi sussurrate.

E infine ho percepito amore, passione, e l’infinita voglia di trovarsi, scoprirsi ed abbracciarsi.

E ancora una volta ho capito, apprezzato,  e soprattutto… ringraziato.

 

 

Tempo

“Ciao, so chi sei e cosa sei venuta a fare”

Ciao, si, sono qui per voi”

” Sei venuta per portarla via?”

Non ancora,son venuta per darti tempo. 

Tempo per ricordare. 

“Per ricordare cosa?” 

Per ricordare il rumore dei pedali quando al mattino ti portava all’asilo in bicicletta, seduta sul retro della Graziella, col tuo grembiulino bianco e il cestino in mano, i capelli raccolti in due codini e la faccia imbronciata. O le canzoni  che ti cantava in auto mentre ti portava alla scuola di danza, in quei lunghi tragitti nel buio della sera o nella fitta nebbia autunnale. Sempre le stesse che ormai conoscevi a memoria, ma che ogni volta le chiedevi di ripetere. 

 Son qui per ricordarti il sapore del pane imburrato che ti preparava a colazione in quelle fredde mattine prima di andare a scuola in cui tu assonnata facevi tutto di corsa perché ti eri attardata nel letto  per goderti l’ultimo calore delle coperte. 

E che dire del profumo della marmellata di more che invadeva la cucina in quei pomeriggi settembrini, in cui facevi i compiti e lei col grande cucchiaio di legno rimestava per ore nella casseruola e tu golosa cercavi di assaggiarne un po’ ancora calda e fumante?”

E il pigiama adagiato sul calorifero affinché fosse caldo al momento di indossarlo? Si , è vero, me lo ricordo tutto questo, vivido come se fosse ieri, e che bel senso di CASA che aveva!”
“Visto? Ogni tanto fa bene ricordare. Sarebbe da fare spesso, ricordare le cose belle tralasciando rabbia e rancore. Perché fa bene a tutti e ti rimette in pace.” E ricorda che se ora tu stessa poni queste attenzioni verso le persone che ami è perché lei te le ha trasmesse ed insegnate.”

“Grazie per questo tempo!”

“Voi esseri umani sprecate molto del vostro tempo in cose assolutamente inutili, o ne dedicate troppo a ciò che ne richiederebbe   meno.

Quanto prezioso diventa il tempo quando sai che sta per scadere? E quanto poco spazio lasci alle cose sterili per darne a quelle belle  e piacevoli? 

Una risata, un gioco, una gita fatta insieme, un viaggio, un progetto.”

” Si, nella vita ci portiamo dietro dei bagagli pesanti  che a un certo punto dovremmo lasciare per strada, e più alleggeriti proseguire con maggiore serenità e consapevolezza. Alla fine del viaggio vorrei che fossero più le cose belle di quelle brutte a pesare sul piatto della mia bilancia, e non voglio zavorre a frenare il mio cammino.”

” Bene, ora che hai capito vai e non sprecare tempo…..è questo che sono venuta a dirti”


Vuoti

Inevitabilmente la vita ci toglie persone care alle quali abbiamo voluto molto bene. Perché la morte fa parte della vita. Ma nello stesso tempo la vita, che per queste perdite ci appare così crudele, ci fa prendere coscienza che quelle persone non se ne sono mai andate veramente. Non le puoi vedere di fronte a te, ma le puoi vedere negli occhi dei loro amici più cari, e nei tuoi quando pensi a loro. Le vedi nei luoghi che hanno tanto amato. Puoi respirare gli odori che essi stessi hanno respirato. Non puoi più sentire la loro voce, ma puoi sentirne le parole da chi le ha con affetto ascoltate . Puoi ascoltare la musica da cui si facevano trasportare. Non le puoi più abbracciare, ma puoi farti scaldare dal ricordo dei bei momenti trascorsi insieme, rivedendo scene che hai stampate indelebili nella memoria. E soprattutto non puoi più dar loro appuntamento….se non nei tuoi sogni più intimi e belli. 

Incontri

Ci sono persone che capitano nella tua vita inaspettatamente e sono incontri speciali. Una gita non programmata, un deviazione dell’ultimo momento, quattro parole scambiate sul bus e tutto succede in un attimo. Incontri fortuiti ai quali lì per lì non dai nessuna importanza, ma che col tempo si rivelano dei veri e propri doni.  Perchè stare bene veramente con qualcuno è un regalo speciale, una concessione che non sempre ti è dato provare. Avere il piacere dell’ incontro di anime affini è privilegio per pochi e raramente accade di trovare compagni di giornate serene e ricche. 

Incontri queste persone ed è come le avessi sempre conosciute. I loro visi ti sono familiari eppure non li hai mai visti, le loro voci note senza averle mai udite prima, e la sintonia è immediata, tangibile. Eppure queste persone erano come tante in mezzo a tante, nessun segno particolare, niente di appariscente nè di bizzarro, ma qualcosa di speciale per te, in quell’esatto istante, entra a far parte della tua vita. Perfetti  sconosciuti che per una frazione di secondi incrociano la loro vita con la tua e da quel momento in avanti qualcosa prende un corso diverso, che non avresti mai immaginato. 

Siano essi amici, amanti o innamorati saranno per un indefinito periodo di tempo tuoi compagni di vita, e con te divideranno momenti unici ed irripetibili, continui od occasionali ma pur sempre speciali. Ti  daranno un pò di loro, e tu darai un pò di te, entrando inevitabilmente nelle rispettive vite. Ti troverai a pensare, a gioire e soffrire per persone di cui,  fino a qualche giorno prima, ignoravi perfino  l’esistenza. Farai tutto ciò  con estrema sincerità e slancio, perchè quel rapporto non ti è stato imposto, nè te lo sei cercato, ma era destinato a te esattamente nei termini in cui è avvenuto. 

Stare insieme diventa facile, naturale e completo. Ciò che spesso sembra scontato in realtà non lo è affatto, soprattutto in un’ epoca in cui l’individualismo e l’opportunismo offuscano ogni altro rapporto umano. 

Ecco  che così apparentemente per caso nascono i grandi amori, le amicizie più sincere e le più travolgenti passioni, siano queste eterne o fatte di pochi attimi. E a nulla vale il confronto con altre situazioni che si riveleranno di certo meno appaganti e coinvolgenti.

Affinare i  sensi, aprire gli occhi e il cuore indicherà la strada. A volte capita…